Studenti in strada e sciopero scolastico globale per l’ambiente nel terzo Fridays for Future – Venerdì per il futuro- il movimento internazionale di protesta, composto da alunni e studenti che decidono di non frequentare le lezioni scolastiche per partecipare a manifestazioni in cui chiedono e rivendicano azioni atte a prevenire il riscaldamento globale e il cambiamento climatico. Cortei in 200 città italiane, un fiume colorato di migliaia di  manifestanti ha inondato le strade da Nord a Sud. A una settimana dal devastante incendio divampato sul Monte Saretto, anche a Sarno in tantissimi hanno aderito: ragazzi dei licei, degli istituti tecnici, gente comune, rappresentati della politica locale, sono partiti alle 8:30 circa da via Roma per urlare in coro che non esiste un pianeta di riserva, bisogna agire subito per salvare il nostro. “Nessun futuro senza natura” si legge su uno dei tanti cartelli esposti dai giovani nel Fridays for Future ispirato a Greta Thunberg: la 16 enne attivista svedese da circa un anno in prima fila per la lotta contro il cambiamento climatico. Una manifestazione particolarmente sentita, con lo sguardo rivolto alla montagna, ferita al polmone verde dall’azione scellerata di un gruppo di adolescenti ineducati, che ha bruciato ettari di vegetazione, abeti, ulivi, giustificandosi:” E’stata una bravata”…in realtà è stata una catastrofe ambientale.