Pubblicità

Il Lecce e la sua tifoseria sono in un periodo difficilissimo. Di certo si tratta del periodo più difficile da quando la nuova società si è insediata. Infatti i tifosi salentini, dopo alcuni risultati negativi (Virtus Francavilla e Foggia su tutti) hanno criticato fortemente la squadra, chiedendo a gran voce le dimissioni del mister. Questo non è avvenuto e dopo il pareggio di Cosenza, con prestazione pessima dei giallorossi, le speranze di raggiungere la vetta sono svanite quasi del tutto. I numeri dei botteghini, inesorabilmente, dimostrano la delusione del pubblico.

Nella tarda mattinata di martedì, quindi a poco più di 24 ore dal match, i biglietti venduti sono pochissimi: soltanto 380. Inutile dire che questo numero per una tifoseria come quella del Lecce, abituata a grandi affluenze al “Via del mare” e con la media spettatori più alta di tutta la Lega Pro, è davvero bassissimo. Il Lecce giocherà in uno stadio non soltanto freddo, ma anche semi-deserto, perchè, oltre ai pochi biglietti venduti, è facile immaginare che anche alcuni dei circa 9.200 abbonati decideranno di non andare allo stadio. In ogni caso, pensando che alla fine gli abbonati andranno tutti e sommandoli ai paganti, al momento si contano 9.500 spettatori circa. Fonte https://www.google.it/amp/it.blastingnews.com/lecce/2017/04/lecce-juve-stabia-deserto-al-via-del-mare-pochissimi-biglietti-venduti-001602007.amp.html