domenica, 7 Marzo 2021

Novità sul modello 730

PUBBLICITA
Anche per il 2014 è arrivato il momento di presentare il modello 730 (dichiarazione semplice). Il 730 è destinato principalmente a lavoratori dipendenti e pensionati con sostituto d’imposta che può effettuare le operazioni di conguaglio nei tempi previsti.

Per le somme inferiori a 4.000 euro il 730 da’ la possibilità di ottenere il rimborso in tempi brevi.

Principali novità:

  • dal 2014 potrà essere usato anche dai lavoratori dipendenti e soggetti assimilati, come lavoratori a progetto, colf e badanti che al momento si trovano senza un sostituto d’imposta;
  • doppia scadenza –  entro il 30 aprile 2014 per la presentazione al proprio sostituto d’imposta, a patto che quest’ultimo abbia comunicato entro il 15 gennaio di prestare assistenza fiscale; entro il 31 maggio 2014 a un Centro di assistenza fiscale o a un professionista abilitato;
  • da quest’anno è possibile usare il credito che risulta dal modello di dichiarazione 730/2014, la compensazione avviene tramite modello F24, per pagare oltre l’IMU 2014 anche le altre imposte che possono essere versate tramite F24. Per crediti da usare come compensazione superiori a 15.000 euro è necessario chiedere il visto di conformità;
  • aumenta lo “sconto” per i figli – la detrazione d’imposta passa da 800 a 950 euro per ciascun figlio a carico di età superiore a 3 anni e da 900 a 1.220 euro per ogni figlio di età inferiore a 3 anni. Le detrazioni sono aumentate di 400 euro per i figli a carico portatore di handicap;
  • recuperi edilizi al 50% – detrazioni per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio. La spesa non deve superare i 96.000 euro ad unità immobiliare;
  • acquisto mobili – verrà concessa una detrazione del 50%  per l’acquisto di mobili per arredare esclusivamente immobili che hanno subito un recupero edilizio. L’importo massimo da poter detrarre è di 10.000 euro;
  • detrazione risparmio energetico 65% – è aumentata la detrazione per gli interventi finalizzati al risparmio energetico. La spesa massima detraibile per unità immobiliare di 96.000 euro. La detrazione è ammessa nel limite massimo di 10.000, da ripartire in 10 rate di pari importo:

» nella misura del 55% per le spese per gli interventi finalizzati al risparmio energetico degli edifici realizzate fino al 5 giugno 2013, e del 65% per quelle effettuate dal 6 giugno al 31 dicembre 2013 (sezione IV del quadro E) 
» nella misura del 65%, fino ad un ammontare complessivo di spesa non superiore a 96.000 euro per unità immobiliare, per le spese sostenute dal 4 agosto al 31 dicembre 2013 per gli interventi relativi all’adozione di misure antisismiche su edifici adibiti ad abitazione principale o ad attività produttive ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità;

  • cedolare secca – in caso di locazione il regime della cedolare secca cambia, è ridotta dal 19 al 15% la misura dell’aliquota agevolata prevista per i contratti d’affitto a canone concordato;
  • in assenza di cedolare secca – per gli immobili concessi in affitto è ridotta dal 15 al 5% la deduzione forfettaria del canone di locazione, prevista in assenza di cedolare secca;
  • spese per intermediazione immobiliare – chi si avvale dell’intermediazione di un agente immobiliare per l’acquisto della prima casa, può detrarre il 19% sulle spese di mediazione pagate all’agente, per un importo massimo di 1.000 euro.
  • Fonte: www.tecnocasa.it/site/it/immobiliare/approfondimenti/news/immobiliari/modello_730.html

 

PUBBLICITA

ALTRE NEWS

DALLA HOME