Pubblicità

I carabinieri della caserma di Sant’Antonio Abate hanno eseguito la misura restrittiva degli arresti domiciliari applicata dal Gip del Tribunale di Torre Annunziata nei confronti di Francesco Cascone di Castellammare di Stabia. Il giovane 20 anni è ritenuto responsabile di atti persecutori e violenza privata nei confronti della ex fidanzata, che, provata dai continui comportamenti aggressivi, minacciosi e violenti che andavano avanti dal marzo 2019 , l’ha denunciato ai militari che hanno avviato le indagini. L’indagato risponde altresì del reato di cui all’art. 424 c.p. (danneggiamento seguito da incendio). Le indagini hanno consentito di accertare che il Cascone, in data 29 maggio 2020, ha incendiato lo scooter della ragazza in sosta nei pressi dell’abitazione di un’amica a Sant’Antonio Abate. L’escalation delle condotte persecutorie, con lo scopo di ledere la reputazione dell’ex, avrebbero trovato riscontro dagli inquirenti anche attraverso falsi profili creati dal 20enne su diversi socialnetwork. Una situazione insostenibile che è sfociata nella denuncia e nei provvedimenti adottati dall’Autorità Giudiziaria.