lunedì, 17 Gennaio 2022

Il bambino senza vita sulla spiaggia Quella foto che scuote il mondo

La foto che ha scosso il mondo, ma non abbastanza, ritrae il corpicino di un bimbo siriano raccolto dalla battigia di una delle spiagge di Bodrum, la Portofino turca, l’antica Alicarnasso ricca di vestigia della civiltà greca. Possiamo immaginare la breve vita di quel bimbo morto dove tanti suoi coetanei hanno costruito castelli di sabbia, alla deriva di una rotta di migranti andata a male come tante, vittima della grettezza di un’Europa che anziché organizzarsi come un ospedale da campo, pattugliare il grande lago del Mediterraneo in modo ancor più capillare, creare dei corridoi umanitari, impedendo il moltiplicarsi di vittime, chiude gli occhi e alza muri di fronte a una delle più grandi tragedie dell’umanità.

A pubblicare per primo quella foto è stato un quotidiano britannico, l’Indipendent. “E’ troppo facile dimenticare la realtà di una situazione disperata che molti rifugiati devono affrontare”, scrive il giornale spiegando una scelta non scontata e lanciando, con una domanda, un appello: “Se queste immagini straordinariamente potenti di un bimbo siriano morto su una spiaggia non cambiano l’atteggiamento dell’Europa nei confronti dei rifugiati cosa può farlo?”. L’Indipendent lo chiede agli inglesi terrorizzati dall’ondata di migranti nel tunnel della Manica e agli ungheresi che costruiscono muri, al premier David Cameron, intransigente paladino della chiusura a ogni aiuto. Il quotidiano spagnolo El Pais parla di “simbolo del dramma nell’Egeo”. “Immagini scioccanti” della “tragica epopea dei rifugiati”, scrive The Guardian.

Fino a  poche settimane fa quel bimbo giocava con i coetanei nel suo villaggio, nella sua città siriana, prima che la guerra e la forza dei genitori lo portasero via dalla sua terra, immaginiamo dai suoi affetti, dai nonni, dai giochi, per imbarcarsi verso una vita migliore. Così non è stato. Assistiamo per l’ennesima volta allo sgomento dell’Occidente e alle sue lacrime di coccodrillo, dopo la tragedia dell’ottobre 2013, dopo i tanti naufragi nel Mediterraneo, immensa tomba a cielo aperto, dopo lo stillicidio di migliaia di migranti naufragati, dopo i cadaveri ritrovati senza vita per asfissia dentro il container di Tir che viaggiano lungo l’autostrada. Non sappiamo – prima che si metta in campo un serio piano d’emergenza umanitaria –  quante vite debbano ancora essere sacrificate ai populismi, alla demagogia, al cinismo politico e all’ottusità di un’Europa morta su quella battigia insieme alla vita di quel bambino. Quel bambino è nostro figlio, anche se qualcuno si volta fingendo di non vederlo.

FONTE:http://www.famigliacristiana.it/articolo/quel-bambino-e-nostro-figlio.aspx

logo

ALTRE NEWS