venerdì, 21 Gennaio 2022

Acqua pubblica, condannato il Comune di Castellammare: salasso da 10milioni

Debiti milionari accumulati dal 1992 ad oggi: il Tribunale di Napoli ha condannato il Comune di Castellammare a pagare i canoni mai versati alla società regionale Eniacqua Campania. Un salasso da quasi 11 milioni di euro. Ma non è tutto.

La gestione dell’acqua pubblica, per la cittadinanza di Castellammare di Stabia, è stato veramente un affare da dimenticare dopo l’ultima condanna subita dal Comune stabiese. Infatti, l’Ente di locale di Palazzo Farnese, è stato condannato dalla decima sezione del Tribunale di Napoli al pagamento di oltre sei milioni di euro a cui vanno aggiunti gli interessi accumulati dal 1992 ad oggi. Si tratta, infatti, di una pesantissima pena alla corresponsione dei canoni mai versati alla società regionale Spa Acqua Campania (un tempo denominata Eniacqua Campania) dai primi anni Novanta e mai corrisposti, per un totale di oltre sei milioni di euro a cui dovranno essere aggiunti gli interessi calcolati in tutti questi anni, raggiungendo la cifra di oltre 10,5 milioni di euro.

 

“Pur servendosi dell’impianto di depurazione regionale – si legge nella sentenza di condanna del tribunale napoletano – il Comune di Castellammare di Stabia non aveva adempito sin dal 1992 ai propri obblighi consistenti nella dichiarazione dei volumi idrici agli utenti ed al pagamento dei canoni.”

 

A questa già rilevantissima somma, bisogna poi aggiungere tutti i debiti cumulati dalla società comunale stabiese, l’Asam, che un tempo gestiva il servizio idrico pubblico prima dell’avvento della Gori Spa: un passivo che sfiora gli 8 milioni di euro a cui bisogna aggiungere gli altri 4 milioni di euro vantati dalla stessa Gori nei confronti del Comune di Castellammare per aver indebitamente ritardato l’affidamento della gestione del servizio idrico. Il totale è veramente da capogiro: stiamo parlando di una cifra che supera abbondantemente i 20 milioni di euro. Un vero e proprio salasso che inevitabilmente ricadrà sulle tasche della popolazione della Città di Castellammare di Stabia, già gravata da pesantissime tasse locali, a causa di una gestione pubblica scellerata delle acque e di amministratori inerti che in tutti questi anni non hanno mai pensato seriamente di correre ai ripari nonostante le numerosissime e ripetute note dell’ufficio dell’Avvocatura Generale dello Stato.

Salvatore Esposito

Fonte:http://www.corsoitalianews.it/acqua-pubblica-condannato-il-comune-di-castellammare-salasso-da-10milioni/

logo corso italia

 

ALTRE NEWS