giovedì, 25 Febbraio 2021

La truffa dei vestiti corre sui social: ordina un abito e ti arriva uno straccio

PUBBLICITA

Ci sarebbe un gruppo organizzato dedito alla truffa dietro a uno dei social più utilizzati dagli utenti. Gli autori dei raggiri agirebbero su Facebook per vendere capi di abbigliamento anche dei marchi di moda più importanti a prezzi vantaggiosi. Le vittime attratte dall’offerta contattano il venditore, portata a termine la trattativa, di comune accordo, il pagamento viene effettuato al momento della consegna. Ricevuta la merce, l’acquirente paga ma quando apre il pacco all’interno non trova l’ambito indumento ma uno straccio. Una truffa architettata a danno di persone inconsapevoli che verte su un punto preciso, il tempo. Il corriere consegna il pacco, l’acquirente paga e, come succede quasi sempre, non lo apre subito. Quando scopre di essere stato truffato ormai è troppo tardi. Il sotterfugio, messo in atto con astuzia, trova terreno fertile nella rete per lo shopping online. L’ emergenza sanitaria Covid 19 ha costretto alla chiusura di numerosi esercizi commerciali al dettaglio. La merce “esposta” nelle vetrine virtuali dei social, a differenza dei siti specializzati, non è consigliabile acquistarla perchè oltretutto manca di tracciabilità, assenza di fatture, e scovare l’impostare non è impresa facile.

 

 

PUBBLICITA

ALTRE NEWS

DALLA HOME