Omicidio di Willy, I fratelli Bianchi sembrerebbe che abbiano chiesto di prolungare l’isolamento poichè hanno paura delle ritorsioni. COLLEFERRO (ROMA)  Gabriele e Marco Bianchi,per l’opinione pubblica i Fratelli Bianchi, assieme all’altro componente Mario Pincarelli, accusati per l’omicidio del 21enne Willy Monteiro Duarte, si trovano ormai da una settimana in carcere a Rebibbia in isolamento.Infatti per 14 giorni totali devono restare ognuno chiuso in una cella diversa a distanza da altri detenuti come è stato previsto dalle norme anti-Covid.Ma la direzione del carcere starebbe valutando la possibilità di prolungare l’isolamento dopo lo scadere dei 14 giorni della quarantena anti-coronavirus  perchè ci sarebbe la paura per ritorsioni nei loro confronti da parte di altri detenuti poichè nella loro mentalità il pestaggio-omicidio di Willy, sopraffatto dalla violenza cieca del branco, è un gesto vigliacco e odioso alla pri di quelli  perpetrati ai danni di donne e bambini: e queste cose nell’ambiente criminale si paga.Infatti è porprio il garante per i detenuti del Lazio, Stefano Anastasi a dichiarare che : ” Trascorse le due settimane di isolamento precauzionale per il Covid effettivamente si dovrà valutare una adeguata forma di isolamento cautelativo per impedire che i tre possano essere oggetto di attenzioni per così dire sgradite all’interno del carcere. L’uccisione di Willy Monteiro ha avuto una eco mediatica molto forte e ha impressionato gli italiani non solo quelli che sono a casa ma anche coloro che sono detenuti, serve attenzione. Al momento, comunque, ho avuto modo di verificare che questi giorni di detenzione stanno scorrendo senza anomalie”.