Le indagini dei carabinieri hanno portato all’arresto di Nicola Del Sorbo, giovedì 3 Settembre, l’assassino di Luana Rainone 31 anni, originaria di Sarno ma residente a San Valentino Torio. Un contributo importante ai militari hanno fornito le testimonianze raccolte nella ristretta cerchia di amicizie della donna, scomparsa lo scorso 23 luglio e ritrovata morta quaranta giorni dopo. L’uomo l’avrebbe accoltellata, avvolta in una coperta e poi gettata in un pozzo. I due si conoscevano perchè in passato erano stati vicini di casa, lei spostata e mamma di una bimba di 5 anni, lui un matrimonio naufragato alle spalle, una convivenza e sette figli, avevano da mesi una relazione clandestina. Luana sarebbe stata uccisa al culmine di una lite, ha confessato Del Sorbo agli inquirenti: la donna gli ha lanciato il cellulare, gli avrebbe chiesto di lasciare l’attuale compagna per avere un rapporto stabile con lei, lui alterato anche dalla cocaina, ha afferrato un coltello e l’ha colpita alla gola poi ha avvolto il cadavere della 31enne in una coperta e l’ha gettato nel pozzo. Secondo chi indaga l’assassino nei giorni scorsi avrebbe anche tentato di crearsi un alibi inviando un messaggio sui social alla vittima. Lo stesso avrebbe continuato a inviare messaggi d’amore all’attuale compagna, postati sul profilo di entrambi, come se nulla fosse successo mentre la povera Luana giaceva morta in fondo al pozzo. Durante l’interrogatorio il 34 enne ha ammesso il delitto, poi ha accompagnato gli investigatori nel luogo dove aveva occultato il corpo. Il reo confesso, lunedì 7 settembre, comparirà per l’interrogatorio di garanzia davanti al Gip. Del Sorbo era già stato condannato per estorsione nel 2014 nei confronti della suocera, aggredita perchè si rifiutava di dargli i soldi per acquistare la droga. Dal 2014 ha beneficiato dell’affidamento al servizio sociale e della riduzione della pena per ottima condotta carceraria. Nel 2009 è stato condannato per violenza privata e lesioni, pena che prevede 4 anni di detenzione. Sentenza divenuta definitiva nel 2016, Del Sorbo era libero in attesa di detenzione alternativa.