La Polizia di Stato del Commissariato di Castellammare di Stabia agli ordini del primo dirigente Vincenzo Gioia, hanno messo a punto nella serata di ieri, 5 luglio 2019, mirati servizi finalizzati a contrastare fenomeni di illegalità diffusa, a seguito della commissione di fatti violenti verificatesi in città nelle ultime settimane. L’area in cui i nibbio e le pantere degli uomini del 113, diretti dalla dottoressa Manuela Marafioti, sono state dispiegate è il centro storico stabiese. Nella rete dei controlli sono finiti: 50 persone di cui 20 risultati pregiudicati per reati vari; 10 autovetture; 15 motocicli. Nell’ambito della stessa operazione, i militari procedevano all’interno del più ampio piano di servizio, a effettuare due controlli amministrativi  ai titolari di altrettanti chioschi. In uno dei casi è stata elevata una sanzione amministrativa per occupazione abusiva di suolo pubblico. Inoltre sono stati elevati diversi verbali a carico di

automobilisti e parcheggiatori abusivi con notifica di ordine immediato di allontanamento. Nello stesso contesto eseguite ulteriori perquisizioni, messe in campo nel rione Santa Caterina, finalizzate alla ricerca di armi e stupefacenti. L’ accurata attività investigativa rientra in una strategia di massimizzazione nelle risorse volta a dare concreta risposta alla sempre più generalizzata richiesta di sicurezza da parte della popolazione.