finanza

Sarno: spacciavano olio per extravergine. Denunciati in tre

L’analisi organolettica eseguita in laboratorio dall’ufficio delle Dogane di Bari ha confermato che l’ingente quantitativo di olio sequestrato in un’azienda sarnese non era extravergine d’oliva. Due tonnellate di prodotto scoperte durante un controllo, da parte della Guardia di Finanza Comando Provinciale Salerno Compagnia Scafati, stipate all’interno di un magazzino, con le etichette sulle bottiglie che lo spacciavano per olio

extravergine d’oliva ma che a differenza di quanto indicato era mischiato con oli di semi. Le tre persone responsabili del frantoio che emettevano falsa documentazione attestante l’origine dell’olio alimentare sono state denunciate per: frode in commercio, vendita di prodotti industriali con segni mendaci, commercio di olio risultato contraffatto.

Commenti

Commenti