Una scossa di magnitudo 6.5, si è verificata alle ore 2.54 in Albania (ore 3. 54 in Italia). In particolare la scossa ha interessato la costa settentrionale della nazione, vicino a Durazzo. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) italiano e del servizio geologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro a circa dieci chilometri di profondità ed epicentro tra Shijak e Durazzo. I soccorsi sono operativi tra le macerie dei palazzi e case crollate: la conta dei morti e dei feriti purtroppo si aggiorna di ora in ora. In Italia la scossa è stata avvertiva in diverse Regioni del Sud: Puglia, Basilicata, Campania. Le città dove lo sciame sismico ha allertato la popolazione nel cuore della notte Napoli, Castellammare di Stabia, Torre Annunziata e Benevento. Nel capoluogo sannita il Sindaco Clemente Mastella ha disposto la chiusura degli uffici pubblici e delle scuole per consentire ai tecnici verifiche alle strutture. Ieri una scossa di terremoto di magnitudo 3.2 è stata avvertita nella zona di Benevento, con epicentro a Ceppaloni. Secondo i rilevamenti della Sala sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) è avvenuto a 11 chilometri di profondità. Già nella notte tra sabato e domenica mattina c’erano state altre scosse di magnitudo inferiore. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio  ha attivato l’Unità di crisi della Farnesina che sta monitorando l’eventualità che ci possano essere italiani coinvolti.