51947666_253487255576293_5408039131961884672_n

C.mare di Stabia – infortuni lavoro, la storia di Raffaele

E’ andato avanti con coraggio e tanta voglia di lottare contro le ostilità in un mondo dove l’handicappato è forse ancora visto come il diverso: Raffaele Graziuso ha 30 anni  e negli occhi la riconoscenza di chi è grato alla vita. La sua famiglia lavora da 60 anni nel settore floricolo a Castellammare di Stabia e gestisce terreni anche a Capaccio in provincia di Salerno. Qui nel 2010 Raffaele mentre lavorava in un campo con la motozappa, ha perso il controllo del mezzo agricolo, procurandosi un grosso taglio alla gamba destra: praticamente tranciata di netto. In un attimo la sua vita, quella di un ragazzo poco più che 20 enne cambia bruscamente. Nella lunga degenza ospedaliera ha subito tre interventi , gli  è stata applicata una protesi modulabile ed ha ripreso a vivere, ma purtroppo la situazione lavorativa è cambiata. Non è semplice per lui muoversi con la protesi all’interno delle serre, ne tanto meno coltivare i campi. I suoi sforzi sono doppi rispetto a quelli degli altri, ma ogni tentativo di trovare un nuovo lavoro è stato vano. Suo figlio, la sua famiglia

gli danno la forza per andare avanti,  lui nonostante tutto non si è mai arreso. Nell’intervista di Alessandra Barone, giornalista del Tg 3 Campania, Raffaele dice “Conoscendo molte persone, amici, qualcuno è andato in depressione, qualcuno ha tentato di togliersi la vita, non è una una cosa bella. Non abbiamo un pezzo del nostro corpo ma abbiamo la vita che è molto di più”. Una vita che va vissuta al massimo, anche quando in un attimo accadono cose che sconvolgono tutto…forza Raffaele

Commenti

Commenti