martedì, 16 Agosto 2022

C.mare – Melisse: “una parte della stampa locale diffonde notizie false”

Una giusta e corretta informazione: un diritto e un dovere Il sottoscritto Eduardo Melisse, fervente sostenitore del diritto di informazione quale elemento fondamentale di una vera democrazia, ha avuto sempre un atteggiamento di totale apertura verso tutti i mezzi d’ informazione, soprattutto quelli locali, verso i quali è stato continuamente e concretamente disponibile a qualsiasi richiesta di incontro e chiarimento, ritenendo la comunicazione chiara e trasparente, anche da parte degli enti e delle istituzioni cittadine, vitale per una democrazia incondizionata.
Tanto premesso, il sottoscritto, con profonda amarezza e stupore, deve constatare che negli ultimi tempi una parte della stampa locale, certamente minoritaria, in modo

continuativo e sistematico, diffonde notizie false e tendenziose, dirette a danneggiare la sua immagine come politico, professionista e soprattutto, come uomo.Più concretamente, ad esempio, in merito al tesseramento PD, il sottoscritto non ha mai presentato alcun ricorso, come falsamente riportato da alcuni giornali locali che hanno adottato, tra l’altro, appellativi diretti a screditare la sua immagine e il suo operato, non avendo d’altronde mai ricevuto alcuna comunicazione in merito da parte degli organi del partito; oppure, circostanza ancor più grave, si pensi al recente e gratuito accostamento del sottoscritto a notizie di cronaca completamente estranee allo scrivente, con pubblicazione della propria immagine a margine dell’articolo, in totale violazione e dispregio delle vigenti disposizioni di legge e deontologiche.
Per tali ragioni, il sottoscritto, obtorto collo, ha conferito specifico mandato a legale di propria fiducia al fine di tutelare, in sede civile e penale, il proprio diritto all’immagine, al nome, alla dignità e alla riservatezza, danneggiati da tale attività lesiva e diffamatoria.
Il diritto di informazione, si ribadisce, è sacro e la disinformazione danneggia i cittadini: lo scopo di tale iniziativa, infatti, non è quello di imbavagliare o limitare l’ottimo lavoro della maggioranza dei giornalisti locali e nazionali, ma solo di far accertare le responsabilità di coloro che, senza alcuna professionalità, minano la dignità e l’immagine della loro vittima designata, avendo come unico scopo quello di stravolgere quotidianamente la verità dei fatti.
Arch. Eduardo Melisse

ALTRE NEWS

ULTIME NOTIZIE