Castellammare di Stabia- Filmava allieve sotto la doccia, condannato arbitro

E’ stato condannato a due anni col rito abbreviato dal Tribunale di Torre Annunziata, l’uomo accusato di riprendere le allieve di una scuola di arbitro con il cellulare mentre le stesse erano intende a farsi la doccia. I fatti risalgono al 2018 quando, secondo la ricostruzione formulata dall’accusa, una vittima avrebbe scoperto all’interno di uno spogliatoio un cellulare posizionato in modo tale da riprenderle mentre si lavavano. Formalizzata la denuncia da parte delle giovani, all’epoca appena 18enni, all’arbitro fu ritirato il tesserino e la stessa Associazione Italiana Arbitri lo radiò dall’albo. L’indagine condotta dagli agenti del commissariato di Castellammare di Stabia portò inoltre al sequestro del cellulare e del pc dell’uomo. La vicenda suscitò molto scalpore all’interno della scuola d’arbitri stabiese, in molti si schierarono a favore dell’uomo, vittima presunta di una delle ragazze. L’allieva infatti che scoprì il cellulare nascosto fu accusata di essere una corteggiatrice respinta, e quindi di aver agito per vendetta. L’Aia si è costituita parte civile nel processo, ad assistere le cinque ragazze, a titolo gratuito, il team di legali dell’Associazione “Libero dalla violenza”. L’imputato oggi 45enne è stato condannato anche al risarcimento delle spese processuali e delle vittime delle moleste.

ALTRE NEWS

ULTIME NOTIZIE