Castellammare di Stabia: l’acqua della Madonna per il Ministero della Salute non esiste più, tutti in Piazza l’8 Aprile

Nella settimana che vede l’approvazione dei progetti e dei finanziamenti per il restyling delle Antiche Terme, a poche ore dalla Giornata Mondiale dell’Acqua, arriva una nuova intollerabile decisione da parte del Ministero della Salute. Dopo l’interruzione della mescita pubblica, prima nel 2021 e poi nel 2022 per la presenza di nichel e radon, il Ministero della Salute ha CANCELLATO dalle tavole di riferimento l’Acqua della Madonna, non riconoscendola. Il tutto, fa il paio con la mescita vietata anche per l’Acqua Acidula. Sulla decisione, ha influito l’assenza di autocertificazione dell’acqua che doveva essere inviata dal Comune di Castellammare entro il 31 gennaio 2022. Una mancanza intollerabile che ci spinge a dire basta, a scendere in piazza per alzare la voce contro la continua violenza subita dal nostro patrimonio idrico. Snobbare così le nostre acque, non solo è un atto di mala gestione, ma è da considerare a tutti gli effetti un crimine verso il patrimonio idrico, in un momento storico dove la tutela dell’acqua pubblica e l’ottimizzazione della rete idrica dovrebbero essere la priorità per uno Stato, una Regione e un Comune indietro anni luce su questo tema. Insieme, facciamo sentire la nostra voce a chi dovrebbe gestire in maniera ottimale un Comune commissariato per infiltrazioni camorristiche, e invece si sta mostrando inefficiente al pari delle amministrazioni precedenti. Vi diamo appuntamento sabato 8 aprile alle ore 10:00 nei pressi dello stadio Romeo Menti di Castellammare di Stabia, dove partiremo in corteo per raggiungere la casa comunale. Noi ci saremo, è tempo di dire basta e di scendere in strada!
«𝘌𝘴𝘤𝘦 𝘥”𝘢 𝘵𝘦𝘳𝘳𝘢 𝘣𝘦𝘯𝘦𝘥𝘦𝘵𝘵𝘢 𝘱𝘦 𝘨𝘨𝘩ì 𝘢 𝘧𝘦𝘳𝘯ì 𝘱𝘦’ 𝘵𝘳𝘦 𝘲𝘶𝘢𝘳𝘵𝘦 𝘥𝘪𝘯𝘵’ ‘𝘦 𝘧𝘧𝘰𝘨𝘯𝘦! 𝘌’ 𝘲𝘶𝘢𝘴𝘦 𝘯𝘶 𝘴𝘢𝘤𝘳𝘪𝘭𝘦𝘨𝘪𝘰! 𝘕’𝘰𝘧𝘧𝘦𝘴𝘢 𝘢 𝘋𝘥𝘪𝘰! 𝘌 𝘤𝘰𝘮𝘮’𝘢 𝘧𝘧𝘪𝘨𝘭𝘪𝘰 ‘𝘦 𝘊𝘢𝘴𝘵𝘪𝘦𝘭𝘭𝘢𝘮𝘮𝘢𝘳𝘦, è 𝘯𝘢 𝘤𝘰𝘴𝘢 𝘤𝘢 𝘯𝘶𝘯 𝘤𝘦 𝘱𝘰𝘻𝘻𝘰 𝘱𝘦𝘯𝘻à! 𝘚𝘵’𝘢𝘤𝘲𝘶𝘢 𝘮𝘮’è 𝘴𝘴𝘢𝘯𝘨𝘩𝘦, 𝘮𝘮𝘦 𝘤𝘰𝘤𝘦”.» 𝘙𝘢𝘧𝘧𝘢𝘦𝘭𝘦 𝘝𝘪𝘷𝘪𝘢𝘯𝘪

ALTRE NEWS

ULTIME NOTIZIE

Scafati città cardio protetta. Continua il progetto “salvavita dell’ anardi”

SCAFATI CITTA' CARDIO PROTETTA: CONTINUA IL PROGETTO "SALVAVITA" DELL'ANARDI"Ogni cittadino del mondo puo' salvare una vita con semplici manovre": continua il progetto Scafati Citta'...