Sequestrati falsi Green Pass. Le indagini partite da Sarno, Nocera e Scafati eseguite dalla Polizia Postale

Questa mattina, su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno, sono state eseguite dalla Polizia Postale di Napoli e Salerno 123 sequestri preventivi di green pass ottenuti attraverso l’inserimento sulla piattaforma Sinfonia di false vaccinazioni anti covid 19.
In seguito alle denunce effettuate presso le Stazione Carabinieri di Sarno e Nocera e la Tenenza di Scafati da medici responsabili di diversi centri vaccinali, la polizia postale ha accertato che, mediante l’accesso abusivo alla piattaforma Soresa e la violazione delle credenziali di login di otto centri vaccinali della provincia di Salerno, sono stati registrati fraudolentemente nel portale somministrazioni vaccinali, comprensive di prime e seconde dosi, generando 123 Green Pass falsi a favore di soggetti residenti nelle province di Napoli, Salerno, Pisa e Cosenza. Tuttavia, gli investigatori stanno ricostruendo il numero reale dei vaccini registrati fraudolentemente; quantità certamente più ampia in relazione alla pluralità di centri vaccinali violati dai cybercriminali.
La polizia postale, ricostruendo meticolosamente le tracce informatiche dell’accaduto, ha stretto il cerchio attorno al sodalizio criminale, procedendo con il coordinamento del CNAIPC del Servizio Polizia Postale al sequestro mediante disattivazione e inibizione al download delle certificazioni elettroniche ottenute in frode.
Le complesse indagini informatiche, consistite nell’analisi dei dati di connessione spesso generate da utenze intestate a ignari cittadini, di tabulati telefonici, di analisi ed di incrocio di posizioni GPS, di analisi dei log di sistema e delle altre tracce lasciate dai criminali, hanno permesso di ricostruire compiutamente il quadro probatorio. Su tutti i responsabili pende ora l’accusa di accesso abusivo aggravato a sistema informatico e falso.

ALTRE NEWS

ULTIME NOTIZIE