mercoledì, 20 Gennaio 2021

Sarno, ingenti danni per il forte vento. Un ferito per il crollo di una canna fumaria

PUBBLICITA

Le forti raffiche di grecale che hanno “avvolto” il paese in un vortice ha provocato danni ingenti. I Vigili del Fuoco, la Protezione Civile i Sarrastri hanno lavorato incessantemente per cercare di soddisfare le centinaia richieste di soccorso che arrivavano alle centrali operative: tetti divelti di case, capannoni, teloni di copertura dei campi. Per le strade i disagi maggiori sono stati causati dai rami e dagli alberi divelti dal vento, che hanno bloccato la circolazione in alcune arterie: problemi anche al locale ospedale. Container e tende allestite a Marzo, punti di primo soccorso per i malati Covid 19, sono state spazzate via come carta. La situazione al cimitero non cambia: arbusti, pini sradicati, rami staccati, sono caduti tra le Cappelle votive, le tombe, distruggendo  vasi di fiori, lapidi. Il Sindaco con un’ordinata emanata ieri ha disposto la chiusura del camposanto fino a revoca della stessa. La straordinaria ondata di maltempo con nubifragi e trombe d’aria ha colpito duramente le campagne sarnesi: campi di ortaggi come cavoli, cime di rape, finocchi, broccoli, insalata, distrutti. Il lavoro, l’economia di tanti agricoltori messa in ginocchio. Ai danni e disagi creati dal vento si è aggiunto, nel primo pomeriggio di ieri, un guasto alla rete idrica. Intere zone dal centro al sud del paese sono rimaste per circa quattro ore senza acqua. Tantissime le auto danneggiate dal crollo di calcinacci e dall’impatto di vari oggetti volati via a causa del forti raffiche. Si registra anche un ferito. Una canna fumaria è caduta su un autobus di linea, in transito in via Ticino, sfondando il parabrezza. Ferito in modo non grave l’autista. Soccorso è stato trasportato al nosocomio locale per le cure del caso. Il Sindaco Giuseppe Canfora e i tecnici comunali stanno provveduto a chiedere il riconoscimento dello stato di calamità naturale.

foto Livio Normanno

PUBBLICITA

ALTRE NEWS

DALLA HOME