JUVE STABIA : IL PUNTO DI GIANFRANCO PICCIRILLO

Martedì sera lo Stabia si avvia stancamente a disputare a Novara il suo ultimo turno infrasettimanale di serie B dopo l’ennesima disfatta a Bari, che ormai non ha fatto più notizia. Infatti a Castellammare, piuttosto che parlare dei record negativi di questa stagione balorda, si preferisce discutere dei possibili futuri direttore sportivo e allenatore e dei calciatori utili a disputare il difficile torneo della nuova terza serie calcistica nazionale. I nomi che sono finora venuti fuori sono quelli di Dionisio e Sensibile come ds e di Campilongo, Dionigi, Gautieri e Di Costanzo, il quale ha già allenato la squadra stabiese nell’ex C2 come tecnici, mentre per i nuovi calciatori si fanno tante ipotesi, ma l’unica certezza è la conferma di capitan Caserta. Mentre lo Stabia continua a rivolgere le sue attenzioni alla futura stagione in lega pro, il Novara allenato da Aglietti, che da calciatore era chiamato il Condor, dopo la sconfitta di Modena deve lottare per sperare di evitare i play-out, che sarebbero molto rischiosi per la squadra piemontese, che ha disputato ben tredici campionati in massima serie, l’ultimo appena due stagioni fa. Il Novara ha avuto un grosso cedimento in classifica nelle ultime giornate e non può permettersi di perdere punti contro la cenerentola del campionato, disponendo comunque nella propria rosa di calciatori di spessore come un ex calciatore stabiese, quel Gael Genevier, che a gennaio del 2013 ha voluto abbandonare Castellammare su richiesta esplicita della consorte. In porta la squadra piemontese schiera di solito Kosicky, mentre in difesa l’elemento più importante è Perticone, che ha giocato in serie A con il Livorno, mentre spiccano a centrocampo Rigoni, Parravicini, Pesce, Laner, oltre al citato Genevier e Faragò, che però sarà assente per squalifica. In attacco il Novara può vantare pure l’oggetto del desiderio stabiese nell’ultimo mercato di gennaio, l’ex Pescara Sansovini, già autore di diverse reti oltre ai vari Lepiller, l’esperto Rubino e il bravo contropiedista sudamericano Gonzalez. Braglia questa volta dovrà fare a meno degli squalificati Liviero e Di Nunzio, che rendono molto complicato lo schieramento della difesa, mentre rientrano Djiby e Doukara che dovrebbero essere della gara assieme ad uno dei giovani della squadra Primavera, probabilmente Cardore dopo gli inserimenti nelle gare scorse di Gargiulo e D’Ancora, che sono stati schierati dall’inizio contro Bari e Latina. In porta dovrebbe esserci ancora Viotti, che al San Nicola dopo il gol di Silva, causato da un errore di Di Nunzio, si è fatto sorprendere solo dai calci piazzati di Galano, in difesa potrebbero esserci Contini, Ciancio, Mezavilla e Romeo, a centrocampo capitan Caserta, De Falco, se Braglia decidesse di reintegrarlo in rosa dopo l’ultima clamorosa esclusione, il Primavera Cardore o Djiby e Zampano, mentre in attacco sicuramente ci sarà il ritorno di Doukara, affiancato da uno tra Di Carmine, Sowe, Baraye o un altro giovane della Primavera. Ancora una volta il pronostico sembra scontato, ma almeno chiediamo allo Stabia di evitare di affrontare l’impegno come se fosse una gita, evitando di subire un’altra imbarcata, contro una squadra come il Novara, formata da buoni calciatori, ma che sta attraversando un periodo di grossa difficoltà.

ALTRE NEWS

ULTIME NOTIZIE