piccirillo

Paponi regala Giulietta allo Stabia. Il punto di Gianfranco Piccirillo

La gara tra Stabia e Pistoiese in una serata afosa di fine luglio ha scritto una nuova bella pagina di sport per Castellammare sportiva dopo le trepidazioni per l’iscrizione al campionato e la formazione della nuova società guidata da Ciccone. La squadra del confermato Caserta e del suo fido Ferrara conquista una vittoria importante proprio nel finale con gol realizzato da Paponi, capitano di coppa, disputando una discreta ripresa dopo un primo tempo condizionato dalle gambe pesanti per la preparazione atletica appena cominciata e il gran caldo di queste ore di piena estate. Anche senza il supporto della tecnologia in campo, sperimentata anche ai recenti mondiali, la terna arbitrale sembra prendere la decisione più corretta, concedendo il gol a Paponi, nell’ultima parte della ripresa, senza lasciarsi condizionare dalle vibranti proteste toscane di un presunto fuorigioco. Il duo Caserta Ferrara in questa prima gara di coppa Italia maggiore ha dovuto rinunciare ai nuovi acquisti per la mancanza del transfert, come peraltro la Pistoiese di Indiani, scegliendo di puntare dunque su Bacci in porta, Marzorati e Bachin centrali difensivi, Dentice e Allievi esterni bassi e su un centrocampo composto da Calò, Vicente e Viola con in attacco, Melara, Paponi e il redivivo Sandomenico. La squadra di Indiani prevede un ex stabiese in campo, Cellini e dopo i play-off conquistati nella scorsa stagione punta ad un campionato di vertice nel suo girone, dove potrebbe esserci anche la seconda squadra della potentissima Juventus. Lo Stabia mantiene nel primo tempo una certa supremazia territoriale che comunque lo porta a costruire un paio di azioni importanti, un colpo di testa di Calò e una bella azione personale di Melara. Nella ripresa la squadra stabiese gioca meglio anche se Regoli trova il modo di impensierire un paio di volte Bacci e dopo una clamorosa occasione sprecata di testa da Sandomenico su assist di Melara e i cambi dello stesso Sandomenico, che comunque mostra di essere meno egoista rispetto ai tempi di Fontana, per Canotto e di Mastalli per Viola, arriva il gol che regala la qualificazione alle vespe. Lo Stabia chiude meglio la partita, facendosi vedere spesso in attacco, palesando una migliore condizione, nonostante il gran caldo e alla fine grazie all’ottimo inserimento in area di Canotto, che serve a Paponi la palla della vittoria, vince la gara con pieno merito, anche per le successive occasioni di Mastelli e dello stesso Paponi. Il portiere Pistoiese riesce a parare la prima conclusione del capitano stabiese, ma non la seconda che termina in rete per la gioia del pubblico stabiese, che stasera nonostante la domenica di fine luglio ha risposto bene all’appello della nuova società di Ciccone e soci. Ora lo Stabia deve affrontare l’Hellas Verona nel secondo turno di coppa Italia maggiore e a causa dei lavori da compiere allo stadio Bentegodi potrebbe giocare di nuovo al Menti o in un altro stadio del nord da definire, se non ci sarà l’inversione di campo, auspicata dai tifosi stabiesi, ma forse pure dalla stessa società veneta, per una gara che è inedita in coppa, ma non in cadetteria dove le squadre si sono già affrontate quattro volte.

Commenti

Commenti