piccirillo

Il Menti torna Parco della Vittoria contro il Monopoli. Il punto di G.Piccirillo

Lo Stabia ottiene un’altra vittoria contro il Monopoli, tornando a conquisstare il suo campo, disputando un’ottima ripresa, dopo un primo tempo incerto, mettendo in evidenza soprattutto un eccellente Strefezza, oltre agli autori delle reti Simeri e Canotto e un valido assetto di centrocampo. Al Menti in una sfida importante per la conquista della migliore posizione per i play-off ancora una volta mancano all’appello molti tifosi stabiesi, ma la curva e la tribuna e la rappresentanza di sostenitori giunti da Monopoli nel settore ospiti hanno assistito ad una gara emozionante e brillante delle loro squadre con segnali incoraggianti in vista degli spareggi di fine campionato, soprattutto per la sponda stabiese. Il duo Caserta Ferrara ha recuperato gli infortunati Melara e Paponi, ma non ha voluto inserirli dall’inizio, puntando su Branduani in porta, Bachini, Marzorati, Nava e Allievi schierato al posto di un Crialese, non al meglio dopo il problema muscolare del Cibali, in difesa e su un centrocampo composto dal capitano Mastalli e i bravi e convincenti Vicente e Viola e tre calciatori in attacco come Strefezza, Canotto e Simeri. Dunque il modulo è il consueto 4 3 3 contro una squadra, allenata dall’ex calciatore del Torino, Scienza, che ha adottato un 3 5 2 piuttosto elastico, un Monopoli che rimane in piena lotta per il quarto posto, capace di essere addirittura solo in testa alla classifica agli inizi del campionato. Lo Stabia ha espresso il suo solito gioco efficace e anche attendista, ma solo nel primo tempo, anche dopo aver trovato il gol del vantaggio con un Simeri, autore di un’altra prova convincente dopo quella di Catania, una squadra forte nelle ripartenze soprattutto per la buona vena di Strefezza, ma anche per la caparbietà di Viola e Mastalli a centrocampo e sufficientemente tignoso in difesa, nonostante la prova decisamente incolore di Nava. Lo Stabia subisce alcune azioni importanti del Monopoli, che reclama pure un calcio di rigore, giudicato invece dal bravo arbitro come simulazione, e Branduani è chiamato ad un paio di non facili parate sui tiri dei pericolosi attaccanti nel primo tempo, prima dell’azione

che ha portato Simeri a cogliere il vantaggio con un tocco in area da vero attaccante rapace. Nell’ultima azione del recupero del primo tempo, il Monopoli trova il pari, grazie ad uno splendido velo, una giocata spiazzante di Donnarumma, che favorisce il suo collega Salvemini, solo davanti a Branduani per il facile tocco in rete. Nella ripresa Caserta assiste prima ai cambi del Monopoli, affidandosi opportunamente alla buona fisionomia tattica della squadra, che prima sfiora e poi trova il nuovo vantaggio con Canotto, che sfrutta una grande azione in contropiede di Strefezza, lezioso in precedenza quanto efficace nell’azione che in pratica ha deciso la partita, e poi inserisce il nazionale sanmarinese Berardi, proprio al posto dell’autore del gol decisivo. Lo Stabia non solo riesce bene a gestire la gara in difesa, ma avrebbe potuto trovare ancora il modo di colpire gli avversari nelle ripartenze, soprattutto con un pallonetto spettacolare tentato dal tonico Simeri, che però avrebbe potuto scegliere altre soluzioni nell’occasione davanti al portiere pugliese. Caserta riesce nei cambi successivi a compensare i problemi di gestione della rosa, dovuti al ravvicinato impegno di mercoledì del recupero della gara con la Virtus Francavilla, ma anche a fastidiosi infortuni e alla necessità di conquistare una vittoria oggi molto importante, inserendo Melara per Strefezza, Redolfi per Bachini, Matute per Viola e Paponi per Simeri, che riceve quasi una standing ovation, da quelli stessi tifosi che lo avevano fischiato non troppo tempo fa. Insomma Caserta effettua cambi non semplicemente conservativi che rafforzano il centrocampo e la difesa, ma senza cambiare modulo inserisce calciatori importanti che come Melara, hanno la giusta esperienza e tecnica per tenere palla e lasciare gli avversari a bocca asciutta. Dopo questa vittoria nel confronto diretto contro un discreto Monopoli si può essere ottimisti per il futuro perché questa squadra ha dimostrato di essere quadrata in ogni reparto e di poter incamerare altri punti nei 37 minuti che restano da giocare mercoledi a Brindisi contro la Virtus Francavilla, prima del derby di domenica pomeriggio al Pinto contro la Casertana in quello stesso stadio, che è stato quello casalingo nelle prime quattro giornate interne. Un campionato, nato male quello attuale, che però si può concludere in un modo inaspettatamente e clamorossamente felice, per la gioia dei veri tifosi, che anche oggi in un Menti ancora semi vuoto, nonostante la riduzione dei prezzi, non hanno fatto mancare il loro sostegno.

Commenti

Commenti