CARABINIERI-NAS

Blitz dei NAS su tutto il territorio; a Sarno chiusa un’attività

Controlli serrati su tutto il territorio da parte dei carabinieri del nucleo antisofisticazione e sanità di Salerno, coordinati dal maggiore Vincenzo Ferrara, con la collaborazione del personale dell’Asl e del nucleo ispettorato del lavoro di Salerno. Nel pieno delle feste natalizie gli uomini delle forze dell’ordine si schierano in campo per tutelare la salute dei consumatori con servizi d’ispezione mirati alle attività commerciali dediti alla vendita di prodotti alimentari. Le attività di verifica sono iniziate nella giornata di giovedì e hanno interessato ristoranti, caseifici, pasticcerie, mercatini di Natale di Salerno e provincia. Il bilancio delle irregolarità di carattere igienico sanitario- strutturale, dovuto alla pessima conservazione della merce rinvenuta nei locali associato allo sfruttamento di mano d’opera non in regola è pesante. I Nas hanno sequestrato mezzo quintale di alimenti detenuti in cattivo stato di conservazione in due ristoranti, chiusi altrettanti depositi, a Montesano sulla Marcellana sono scattati i sigilli per un caseificio di circa 250 metri quadrati, chiuso un ristorante a Tramonti. Nel capoluogo campano è scattato il sequestrato di sessanta panettoni non tracciati in una pasticceria del centro storico. Ispezionati circa venti stand enogastronomici interni ai mercatini natalizi, in cinque dei quali è stata sospesa l’attività di preparazione e somministrazione degli alimenti perchè non conformi agli standard

igienico-sanitari, strutturali ed organizzativi previsti dalla normativa vigente. Dolciumi non tracciati sequestrati in altre pasticcerie della provincia: ad Eboli (centocinquanta chili) e a Baronissi (630 chili complessivi in due distinte attività commerciali). Spostandosi nell’Agro sarnese nocerino, a Corbara sono state contestate sanzioni amministrative per oltre 7.500 euro al titolare di un pastificio per violazioni della normativa inerente la sicurezza sui luoghi di lavoro. A Sarno è, invece, scattata la chiusura di una pasticceria per precarie condizioni igienico sanitarie e strutturali. All’interno del locale i militari del maggiore Ferrara hanno rinvenuto e sequestrato 150 chili di dolciumi non tracciati. Guai per il titolare al quale sono state contestate otto sanzioni amministrative, per un importo complessivo di oltre ventimila euro, per l’accertata presenza di sette dipendenti irregolari, identificati all’interno del locale.

fonte il Mattino

Commenti

Commenti