“Ho 179 anni, la morte si è dimenticata di me”

Un calzolaio di Varanasi, nel nord dell’India, sostiene di essere nato nel 1835 e di avere quindi avere 179 anni. Se fosse vero, Mahashta Murasi sarebbe non solo l’uomo più anziano del mondo ma anche il più longevo della storia. Le autorità indiane e i documenti di identità dell’uomo confermerebbero la tesi dell’uomo ma l’età non è stata verificata da nessun medico, anche perché l’ultimo che l’ha visitato è morto nel 1971. Secondo i media che riportano la notizia, il calzolaio è nato a Bangalore il 6 gennaio nel 1835 e poi nel 1903 si è trasferito a Varanasi dove ha lavorato fino a quando non è andato in pensione, alla veneranda età di 122 anni.

“Ho vissuto così tanto, che i miei pronipoti sono morti da un pezzo”, ha raccontato Murasi. “E’ come se la morte si fosse dimenticata di me. Ho perso ogni speranza, nessuno campa fino a 150, figuriamoci 170. Sarò immortale….. A questo punto potrebbe anche farmi piacere!”.

Commenti

Commenti