torcia umana

C.mare- ustionato dalle fiamme della brace muore 45 enne

Dopo quasi un mese di agonia, al centro Grandi Ustionati del Cardarelli di Napoli, è morto l’uomo rimasto vittima di un grave infortunio domestico, all’inizio di Luglio. Il pranzo domenicale in famiglia, il barbecue poi la tragedia. Ferdinando Cuomo, forse nel tentativo di alimentare la fiamma con del liquido infiammabile, è stato travolto da una potente fiamma di ritorno.

Soccorso da un ambulanza del 118 viene portato al San Leonardo di Castellammare di Stabia poi trasferito al nosocomio della città partenopea, al centro specializzato del Cardarelli. La diagnosi parlava di ustioni serie su gran parte del corpo, tanto che da quel momento l’uomo non è più tornato a casa. Cuomo aveva 45 anni, viveva con la moglie e due figli in via Napoli, faceva l’operaio edile ma aveva interessi anche nell’ambito politico. Una persona molto stimata da amici e parenti, che si preparano a dargli l’ultimo saluto dopo che la salma sarà riconsegnata ai familiari per il funerale. Il Pubblico Ministero ha disposto l’autopsia sul corpo della vittima, per definire le cause della morte.

Commenti

Commenti