ambulanza

Commerciante di Sarno cade in un tombino aperto e perde la milza

Cade in un tombino non protetto è perde la milza: la protagonista di questo brutto incidente è una donna di 44 anni L.V. di Salerno, conosciuta a Sarno perchè da anni gestisce attività commerciali di generi alimentari insieme alla sorella e al cognato. L’incidente è avvenuto mercoledì verso le 17.00; L. stava percorrendo a piedi la strada nei pressi della sua abitazione a Pastena quando improvvisamente è caduta nel tombino non protetto dalla grata. In soccorso della 44enne sarebbero accorsi alcuni operai, al momento, presenti in strada proprio per lavori di manutenzione. La donna ha avvertito da subito dolori lancinanti all’addome e al torace. Trasportata al pronto soccorso dell’Ospedale San Leonardo dal marito, le sue condizioni sono apparse subito gravi.

Sottoposta alla Tac, l’esame evidenziava un emorragia interna in corso; pertanto i dottori decidevano di operarla d’urgenza. La donna a seguito della caduta ha riportato la frattura di alcune costole, contusioni ed escoriazioni varie in tutto il corpo. Attualmente ricoverata in chirurgia d’urgenza, il suo quadro clinico sembrerebbe essere stazionario e non in pericolo di vita: sarà sottoposta ad ulteriore esami per accertare l’eventuale coinvolgimento di altri organi interni e fratture. Il chiusino, come sempre succede in queste situazioni, è stato prontamente sistemato; alla dichiarazione fatta dalla vittima in pronto soccorso, i vigili urbani avrebbero risposto che per i rilievi del caso bisognerebbe costatare che il manufatto stradale fosse sprovvisto di grata, quindi necessario l’intervento delle autorità preposte e poi la stessa non doveva farsi accompagnare dal coniuge in ospedale bensì chiamare l’ambulanza. Un assurdità vista la gravità della situazione con la donna sotto shock, sofferente e per nulla capace di prendere decisioni secondo le normative vigenti in materia di infortunistica stradale

 

 

Commenti

Commenti