Abbandona il cibo solido, e per 40 giorni si nutrirà solo di birra

La tradizione cristiana vuole che la Quaresima sia periodo di penitenza e digiuno, ma l’ “interpretazione” che ne sta dando il trentatreenne americano è probabilmente insolita: per quaranta giorni, Chris Schryer infatti ha deciso di rinunciare al cibo solido (in questo caso, non per problemi fisici) per nutrirsi solo di birra, in un esperimento che è continuamente monitorato anche dai medici per tenere sotto controllo i rischi per la salute del giovane.

Da un paio di settimane, Chris fa colazione con una birra forte, e pranzo e cena sono costituiti da una birra da 650 ml, cui si aggiunge un break pomeridiano con una birra piccola. Le regole che si è imposto escludono anche integratori proteici, frullati e simili, perché il suo sostentamento deve arrivare solo dalla birra. L’unica eccezione consentita, imposta dai medici, è l’assunzione di vitamine e di una certa quantità di acqua per evitare rischi di disidratazione.

 

Se il tentativo del giovane può sorprendere, non va dimenticato che la birra sembra essere effettivamente nata come alimento (anche se certamente non per costituire l’alimento unico di tutti i pasti, come cerca di fare Chris), e contiene molti elementi nutritivi. Secondo gli storici, l’invenzione della birra risale probabilmente a circa novemila anni fa, in contemporanea con quella del pane: le materie prime  infatti erano le stesse per entrambi, con una differenza solo nelle proporzioni: se si metteva più farina che acqua e si lasciava fermentare si otteneva il pane; se invece si invertivano le quantità mettendo più acqua che farina, dopo la fermentazione si otteneva la birra.

Se sicuramente Chris ha una grande passione per la birra (tiene anche un blog dedicato ad essa), la sfida che si è posto non è facile: “Senza esagerare, non è divertente. E’ una grande sfida. Ogni pasto è una sfida. Adesso ho un aspetto abbastanza sano, ma mia moglie è convinta che alla fine dei 40 giorni avrò l’aspetto di un naufrago”, racconta il ragazzo.

Per la  sua dieta, Chris ha scelto una birra artigianale prodotta da un birrificio di Toronto, la sua città, particolarmente ricca di nutrienti, che gli permette di ingerire in forma liquida 2.000 calorie al giorno.

Commenti

Commenti