sorrento piazza tasso

Sorrento assediata dai bulli: paura in centro

Ciò che caratterizza una città turistica è la sicurezza e l’atmosfera di serenità che si respira nell’aria. Purtroppo  dal qualche settimana questo quadretto risulta guastato da pochissimi giovani nell’ordine di meno di 5 unità. Un piccolo gruppo, mai uguale a se stesso, capitanato da un ragazzo di colore che  con il suo carisma da bullo, trascina ogni notte in scompiglio l’equilibrio di persone, locali, ed ancor peggio di turisti spaventati. Abbiamo fatto una passeggiata nel centro storico di Sorrento, e non abbiamo trovato commerciante che non abbia dovuto confrontarsi con questa caricatura da personaggio del Bronx americano. Sarà la scorpacciata di telefilm con scene di violenza, nonché la diffusione di sostanze psico reattive a basso costo, che gli episodi di sopruso e violenza si ripetono quotidianamente. In città chiunque ha subito violenza verbale o ha assistito ad episodi gravi. Cazzotti in Marina Grande, Piazza Tasso, Piazza Lauro, solo per citare i nodi centrali. Bisogna aprire gli occhi, perché la tensione alta sollevata dall’elemento marcio, sta inquinando l’adolescenza di ragazzi ben educati e scolarizzati. Sarà per il buonismo che accompagna coloro che lavorano col turismo che uno stallo davanti agli episodi pubblici non scuote coscienze e forze addette all’equilibrio sociale. Tutelare i turisti e le giovani generazioni è compito di tutti. Fermiamolo prima che sia troppo tardi. Se avete episodi da raccontare, postateli in commento. 

Commenti

Commenti